Come leggere le bollette del riscaldamento

La spesa totale per climatizzazione Invernale e ACS viene definita come somma delle seguenti voci:

  • la spesa totale per il consumo di energia termica utile delle unità immobiliari.
  • la spesa totale per la gestione dell’impianto termico.

La procedura operativa per la ripartizione delle spese totali avviene secondo i seguenti punti:

  • Determinazione dell’energia utile totale (kWh)
  • Determinazione delle spese totali (€)
  • Ripartizione dell’energia utile totale fra consumi volontari ed involontari (kWh)
  • Ripartizione dell’energia utile volontaria (letture contatori individuali) (kWh)
  • Ripartizione dell’energia utile involontaria (millesimi o metri cubi di riscaldamento) (kWh)

1)Quota Potenza Impegnata: Indica i costi di gestione dell’impianto termico ed eventuali oneri sostenuti per l’introduzione di nuove tecnologie.

2)Consumo Involontario: Indica l’energia termica impiegata per compensare le dispersioni delle reti di distribuzione del riscaldamento e dell’acqua calda sanitaria. Il prelievo involontario è ripartito in base ai “metri cubi o millesimi di riscaldamento”. Il consumo involontario di energia termica utile è misurato anno per anno dalle apparecchiature di contabilizzazione.

3)m³.utente: Indica il valore corrispondente alla volumetria dell’appartamento.

4)Unità consumate: Indicano le unità di calore effettivamente contabilizzate dai ripartitori di calore installati su ciascun termosifone.

5)Co.C: Indica il valore corrispondente al “Coefficiente di conversione” impiegato per trasformare le unità di calore consumate in energia KWh.

6)Coeff. Radiatore: Indica il valore corrispondente alla potenza termica di ciascun radiatore.

7)Unità elaborate: Indicano le unità di calore trasformate in energia termica.

8)Locale: Indica il locale ove è installato lo strumento di misura, solitamente (IN:Ingresso, B:Bagno, L1:Stanza Letto1, ST:Studio.

9)Matricola ripartitore: Indica il numero di matricola dello strumento di misura.